La preziosa pioggia arriva come una manna!

tornalapioggiaromafirenzegrosseto

 

La pioggia sta arrivando, suonate e cantate, danzate a più non posso, intonate canti di gioia e ballate sotto questo prezioso liquido, che è sinonimo di vita per l’uomo e per ogni essere vivente presente nel nostro Pianeta.

La gente che ama la vita e la propria Nazione si augura che questa arrivi il prima possibile, lasciando da parte gli egoismi personali di una vacanza rovinata o gite all’aperto da disdire.

Serve acqua, essa è utile per l’ approvvigionamento idrico che è essenziale per le nostre terre, per le colture, per ogni essere vivente che è composto da questo liquido, basti pensare che noi esseri umani abbiamo più della metà del nostro corpo composto da H2o.

Per sopravvivere c’è bisogno quindi che ci si metta il cuore in pace, l’Italia è un Paese che ha essenziale necessità che le vere piogge la bagnino, specie dopo quasi 1 anno di clamorosa siccità in moltissime zone della Penisola.

Ed eccola, la tanto amata pioggia entro i primi di Settembre potrebbe finalmente ritornare, specie tra alcune aree che sono messe davvero peggio di tutte.

Città come Roma, Firenze, Grosseto (Maremma in genere), Napoli ecc ecc., tanto per fare degli esempi di una gravissima condizione che affligge decine di aree delle quali non potrei elencar tutte, potrebbero finalmente respirare ammesso che poi l’Autunno continui a fare il suo dovere.

Intanto è un passo in avanti questo, entro i primi giorni di Settembre la Nazione riceverà una sorte di “manna” dal cielo!

 

 

Annunci

Dal 1° Settembre si cambia musica, copiose piogge in arrivo su alcune zone!

12settalcuneproiezionipioggeago2017

 

La tanto agognata pioggia, quella che ristora e produce uno stop parziale alla fase di gravissima siccità, potrebbe finalmente intervenire su alcune zone del Paese.

Va subito rammentato e specificato che, essendo l’Italia un Paese disteso in lunghezza, accontentare tutti sarà difficile e ci sarà chi riceverà molto e altri meno in termini di piogge.

Fatta questa doverosa premessa, prima di eventuali lamentele sul perchè non avrà piovuto abbastanza sul proprio orticello, devo mettere in preventivo come alcune zone finalmente possano ricevere la preziosa fase precipitativa con gioia, danzando oserei dire.

si, perchè proprio alcune aree stanno attraversando un’annata tra le più disastrose della storia in termini di siccità, dove per esempio tra Toscana, Lazio tanto per citarne due su tutte, alcune zone sono in 9 mesi a poco di più di 50-100 litri/mtq.

Facile dedurre che molti stanno perdendo la pazienza e si auspicano che finalmente possa tornare il tanto agognato liquido, perchè la condizione delle  falde acquifere ridotte al lumicino e la presenza di acqua giornaliera razionata sta mandando in crisi molti.

Tra 1 e 2 Settembre in allegato dalla cartina elaborata dal sottoscritto, posso anticiparvi che queste due Regioni potrebbero ricevere l’arrivo di piogge più organizzate, specie in Toscana e col passare dei giorni anche il resto del Paese gradualmente potrà essere bagnato, chi più chi meno.

Alcuni importanti modelli mettono in risalto come il settore occidentale alpino, il Nord/Ovest italiano, Toscana e poi a seguire parte del Nord andando verso levante, possano essere colpiti da forti temporali, localmente associati a grandine e colpi di vento e purtroppo anche possibilità di locali nubifragi è da mettere in serio conto.

I fenomeni potrebbero risultare a tratti abbondanti specie a Ovest, tra Piemonte, Liguria, Emilia, Toscana e poi Veneto a seguire.

NB.I giorni dopo come detto toccherebbe ad altre zone italiane, se l’affondo della goccia fredda in quota traslasse verso latitudini più meridionali.

Ma la tendenza dopo il 2 Settembre la seguiremo dopo, per ora concentriamoci su tale primo serio stop alla Stagione estiva, proprio in coincidenza con l’entrata sul calendario del 1° di Settembre, giorno dell’inizio dell’Autunno meteorologico.

METEO SICILIA: Deterioramento del tempo dai primi di Settembre!

rotturaestivasiculasettembre2017

 

Il campo di alta pressione che ha interessato la Sicilia tenderà ad affievolirsi col passare dei giorni, specie nei primi di Settembre, quando potrebbero comparire i primi focolai temporaleschi nei rilievi.

Un cedimento della struttura alto pressoria nell’Italia, a partire dalle Regioni Settentrionali, tenderà a arrecare la prima seria rottura stagionale, la quale potrebbe poi estendersi anche a latitudini più meridionali.

La Sicilia nel contempo si troverebbe in in primo momento troppo a sud, ma tra 2 e 4 Settembre col cedimento dell’alta pressione e le prime intrusioni più fresche in quota, potrebbero comparire le prime note instabili relegate nei rilievi interni.

Una classica risposta al cospetto della formazione di un’area di bassa pressione al Centro/Nord, dove tenderà li a peggiorare  i tempo in modo più vistoso.

La Sicilia potrebbe ricevere quindi delle prime avvisaglie, tra sabato 2 e domenica 3 Settembre, dove localmente da ovest verso est potremmo assistere al fiorire di primi focolai temporaleschi diurni nelle zone montuose.

Il tempo non sarà ancora del tutto compromesso altrove, specie lungo le coste, ma col passare dei giorni in base al posizionamento dell’ansa depressionaria in quota nel nostro Paese, si determineranno anche le condizioni del tempo per le zone meridionali e sicule.

Le vere piogge autunnali non sono così lontane e col passare dei giorni potrebbero bagnare anche le estreme regioni meridionali e la Sicilia!

Ai prossimi aggiornamenti!

Sarà bassa pressione italica: FORTE MALTEMPO IN ARRIVO

rotturaestiva1-9settembre2017

 

Arrivano ulteriori conferme circa un duro colpo alla stagione estiva e col passare dei run più indizi diventano una prova, circa la possibilità che possa concretizzarsi la prima ferita in area mediterranea con la classica rottura estiva. (la 1^della stagione)

Sarà “burrasca equinoziale“, quella rottura a suon di piogge e temporali che spezza la Stagione, ma non la annienta definitivamente, perché pur avendo un contraccolpo essa è capace almeno fino a tutto il mese di Settembre di riprendersi, però stavolta senza aver più la forza estiva.

Le eventuali ondate di caldo tardive sarebbero di minor durata, sia per il calo fisiologico della luce solare con l’accorciamento delle ore di sole, sia per un fisiologico calo della Cella di Hadely che tende a riabbassarsi verso le zone africane che gli competono.

A partire dunque dai primi di Settembre, presumibilmente attorno a 1-2 del mese, ad iniziare da Nord potrebbero farsi largo i primi forti fenomeni atmosferici, l’arrivo di piogge e temporali localmente violenti.

Il tutto poi entro le giornate successive scivolerebbe verso sud a causa di un calo dei geopotenziali, dove le primi intrusioni d’aria fresca in quota potrebbero far accrescere una fase instabile per alcuni giorni.

Con ciò non si intende che pioverebbe a tutte le ore delle giornate, ne in tutti i giorni, perchè poi alla fine come ben sappiamo, tutto dipenderà dalla correnti sia al suolo che in quota da dove verranno trasportati eventuali ammassi nuvolosi.

Riepilogando, posso sintetizzare cosi:

Dal 1-2 Settembre peggiora ad iniziare dal Nord (affidabilità elevata)

Dal 2-3 Settembre tende a peggiorare e deteriorarsi  il tempo quasi ovunque, soprattutto aree interne con fenomeni temporaleschi che andranno valutati in alcune zone in base alla predisposizione delle correnti. (affidabilità media)

Periodo seguente 4-9 Settembre ancora in possibile attacco da parte delle correnti oceaniche con altri ulteriori possibilità per piogge o temporali, ma di difficile localizzazione. (affidabilità bassa)