Tempesta di scirocco, raffiche possibili anche di uragano di 1-2^ categoria!

2122APRILE2019

 

L’attesa sciroccata entrerà nel vivo da domani sera, ma il picco massimo dell’intensità dei venti per alcuni versanti esposti dell’area tirrenica sicula sarà a Pasquetta, quando molti snobberanno le previsioni e si ritroveranno probabilmente in modo incosciente sotto un’autentica burrasca in zone potenzialmente pericolose.

Come detto, analizzando lunedì 22, dove di consuetudine è per tradizione la giornata dei pic nic all’aperto, che sia mare o in collina e montagna, sarà da attenzionare per alcune aree del versante tirrenico soprattutto nella mattinata e ora di pranzo per possibili raffiche violentissime.

Ho voluto bonariamente creare una cartina approssimativa delle zone più a rischio con i vari gradi di livello, dove ho esplicitamente suddiviso il versante tirrenico siculo in 2 fasce, una rossa e l’altra viola.

Rossa e Viola sono le aree dove si correrà il rischio maggiore di raffiche che in base alle analisi modellistiche saranno potenzialmente rovinose, capaci di poter raggiungere picchi di oltre 110-120 km/h, con picchi anche maggiori in aree particolarmente esposte.

Non sarà quindi raro assistere a una forte burrasca a limite della tempesta (F11-f12 della scala Beaufortlunedì in aree a ridosso dei rilievi collinari o montani tra comparto nebroideo – peloritano e fascia tirrenica messinese soprattutto.

ZOOM STRETTO DI MESSINA: Altre zone molto ventose saranno quelle dello Stretto di Messina in particolare il versante nord della Città e anche in Città zona centro, raffiche di 80-90 km/h potranno arrecare molto fastidio.

Discorso a parte il versante a sud che, seppur preso da venti forti, non saranno assolutamente pericolosi ma solo fastidiosi perchè spirando su un mare ancora freddo e in presenza di nuvolosità compatta alta e stratiforme faranno percepire una sensazione di frescura per l’intera giornata.

NB. il 6 Marzo del 2013 con simile configurazione il versante tirrenico stabilì il RECORD DI MASSIMA RAFFICA MAI RAGGIUNTO IN EPOCA MODERNA DA QUANDO E’ POSSIBILE MISURARNE I DATI EOLICI ( San Pier Niceto 174 km/h)!!!

Quindi raccomandiamo ATTENZIONE ed evitare di mettersi in viaggio se non strettamente necessario, ed è altamente sconsigliato di stare in aree dove ci siano alberi e oggetti pericolanti come cartelloni ecc ecc. per non subire spiacevoli situazioni potenzialmente pericolose.

Estofex lancia l’allerta di grado 2: rischio nubifragi, ecco dove!

europameridPRIMINOV2018

 

Una pausa per rifiatare, lo avevamo preannunciato, ed il tempo tende nuovamente a instabilizzarsi con l’arrivo di un’altro impulso instabile da SSw, il quale risalendo verso la nostra Penisola interesserà direttamente parte delle nostre Regioni.

Anche la Sicilia verrà a risentirne, con effetti che vedremo e che cercherò di illustrarvi anche con delle carte, le quali parlano di altro maltempo, temporali, piogge e possibili nubifragi con rischio idrogeologico che continua.

Il fronte caldo nelle ultime immagini satellitari lo ritroviamo a Sud/Ovest della Sicilia, dove dalla bassa Tunisia tende a risalire verso Ne e tenderà a inglobare la nostra isola soprattutto dalla seconda parte della giornata.

z12t_001

Ma il grosso tenderà a procedere con lentezza, rendendo il tempo molto instabile soprattutto nella giornata di domani 1°Novembre, allorquando, piogge, rovesci e temporali saranno in agguato in molte aree.

Particolarmente colpite le zone meridionali e centro-orientali, dove localmente non si escludono locali stati di criticità idrogeologica a causa di possibili nubifragi, i quali non possono esser esclusi tra stasera tardi e fin verso la prima mattinata di domani anche nel settore occidentale dell’isola.

A seguire il tempo tenderà gradualmente a divenire molto variabile ad est e molto instabile nella parte occidentale, dove presumibilmente (da confermare), tra 2 e 3 Novembre e parte della giornata del 4 i fenomeni tenderanno a interessare l’estremo settore del trapanese e forse il palermitano.

Il resto dell’isola sarà invece in attesa, anche se non mancherebbero addensamenti sparsi a est a causa del fenomeno dello stau, specie sui rilievi con piogge locali tra comparto etneo e peloritano basso, prima di un peggioramento più organizzato nella seconda parte del 4 Novembre.

snsinsisn

NB. A causa dell’elevata energia in loco estofex ha emanato un’allerta di secondo livello su una scala di 3, dove vi allego il succo principale dell’allerta, la quale recita così:

A level 2 was issued across Corsica, Sardegna, parts of Sicily and the Tyrrhenian Sea mainly for large hail, severe wind gusts and excessive rain. A few tornadoes are also possible.

Ai prossimi aggiornamenti!


Dopo le grandi piogge piccola pausa, in attesa di altri nubifragi!

1819ott2018.jpg

 

 

L’Autunno ha ingranato la quinta marcia per le zone più meridionali italiane, dove le isole maggiori e la Calabria, specie nelle zone orientali di codeste aree sta piovendo in modo a tratti esagerato.

Tant’è che alla fine del mese in corso non si escludono picchi pluviometrici capaci di arrecare un ritocco dei record mensili di sempre, dato che alcune aree sono già alle prese con picchi pluviometrici a dir poco esorbitanti, dell’ordine di varie centinaia di litri/mtq.

Passata l’ultima razione di piogge e temporali, che localmente hanno prodotto anche dei danni e disagi, specie nella zona sicula ionica e calabra, in quest’ultima anche nel lamentino parte tirrenica, adesso subentrerà una parziale pausa domani.

Ma giusto il tempo di ricaricar le batterie e il maltempo tornerà prepotente e stavolta anche esteso a buona parte dell’area mediterranea che va dall’area ionica sicula, alla Sardegna orientale e finendo la sua corsa verso nuovamente tra l’arcipelago delle Baleari e la Spagna orientale.

In questi settori sono attesi nuovi abbondanti apporti pluviometrici, con rischio di altre condizioni di allerta e criticità idro-geologica, soprattutto la dove i venti orientali impatteranno contro i rilievi con la conseguente azione orografica che ne accrescerà il rischio.

Piogge da stau che saranno alla fine dell’evento, che inizierebbe nel versante orientale siculo nella giornata del 17 nelle zone tra basso messinese ionico-catanese-siracusano e continuerebbe fino alla giornata successiva, giovedì 18 e parte di quella del venerdì 19.

Ma l’apice del maltempo si dovrebbe toccare tra la serata tardi di giovedì e la mezza giornata di venerdì, allorquanto i vari parametri analizzati ci suggeriscono come sia alto il rischio di rovesci e temporali anche con apporti abbondanti (elevati 60-100 litri/mtq sulle coste e fino a molto elevati >100 litri/mtq a monte).

Ancora presto per i dettagli, ma la situazione è da attenzionare e seguire attentamente perchè si corre nuovamente il rischio di altri eventi alluvionali nell’area mediterranea menzionata, dove i venti molto umidi tra scirocco e levante saranno il sintomo di altre grandi piogge per codeste aree.

Ci torneremo, ai prossimi aggiornamenti!

Rischio idrogeologico, allerta arancione per domani 24 Agosto!

39920002_1131492357002606_2369509697444118528_n

 

 

Condizione di domani in Sicilia, allerta arancione di grado 2 su una scala di 3, è prevista per i settori centrali e nord/orientali della Regione, con particolar riferimento al messinese tirrenico e area dello Stretto di Messina per INGENTI PIOGGE.

Un fronte temporalesco potrebbe abbattersi nelle medesime aree con rischio idrogeologico per rapide piene dei corsi d’acqua, stante i forti temporali anche a carattere di nubifragio previsti nelle zone evidenziate.

Il tutto a causa di un sistema in lento spostamento verso levante, a lenta evoluzione, con accanimento delle piogge anche a carattere di rovesci temporaleschi ed elevati rain/rate che potrebbero arrecare anche localizzate alluvioni lampo.

Si consiglia di non sostare vicino a corsi d’acqua durante i possibili forti temporali, prudenza alla guida ed evitare strade impervie se vi sono forti piogge in atto.

 

METEO SICILIA: Allerta meteo, focus sulle piogge forti nel settore orientale!

cape4ott2017

 

Situazione potenzialmente a rischio forti piogge, specie nelle zone orientali tra catanese ragusano e siracusano, dove agirà una blanda corrente orientale al suolo che troverà sfogo lungo tali settori, dispensando piogge e temporali localmente anche intensi.

gfs452017
stima precipitativa Gfs 00 di oggi

Si tratta di una classica situazione da monitorare in sede di nowcasting, visto che eventuali temporali anche a sfondo “auto-rigenerante” possono nascere e stazionare anche alcune ore nelle medesime aree.

ec314122017ott
stima precipitativa run12z reading 3km

Correnti deboli, ambiente con shear favorevole (in quota i venti soffiano dai quadranti sud/occidentali e al suolo attorno levante), cape index su valori moderati (1800 J/Kg), specie nel settore tra basso catanese e siracusano, sono elementi favorevoli a tale possibilità.

La situazione permarrà invariata tra oggi e fino a domani mattina su tali zone, mentre meno esposto sarà il messinese ionico, troppo a nord di latitudine, dove al massimo si avranno delle locali piogge nel taorminese, quindi basso messinese ionico.

 

ALLERTA SICILIA: avvisi della protezione civile!

22053164_1166545316810671_782466451_n

 

Allerta della protezione civile, ecco il testo per domani mercoledì 27 Settembre:

Sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Sicilia settentrionale,
con quantitativi cumulati moderati o puntualmente elevati; sparse, anche a
carattere di rovescio o temporale, sul resto dell’Isola, con quantitativi cumulati
moderati.

VENTI: Tendenti a forti o di burrasca settentrionali sulla Sicilia occidentale
MARI: Molto mosso il Tirreno meridionale

METEO MESSINESE: Allerta di secondo grado!

sicilia NE

 

E’ stata emessa un’allerta di secondo livello per il messinese, soprattutto per forti temporali e raffiche di vento, dalla prossima nottata e fin verso l’alba di domani mattina infatti si prevede il passaggio della cosa di una forte pertubazione atlantica.

Tra la tarda notte e domani mattina presto infatti il sistema pertubato in avvicinamento da Ovest, dopo aver interessato la Sicilia occidentale si dirigerà verso il messinese, specie settore tirrenico, Stretto di Messina e con riflessi anche nelle zone ioniche specie dell’alto versante.

Si prevede un notevole rinforzo dell’attività elettrica, delle raffiche di vento che precedono i sistemi temporaleschi, i quali potranno essere organizzati in multicelle (anche con grandine al loro interno, visto lo scontro delle due masse d’aria, una fresca in entrata da WNW e l’altra caldo umida di Ostro/Scirocco che la precede).

La pioggia che cadrebbe sarebbe da attenzionare per la sua quantità abbondante in lassi di tempo ristretto, con possibilità di allagamenti e piene repentine dei corsi d’acqua, dunque attenzione alle ore notturne e all’alba di lunedì.

Si ipotizzano accumuli localmente superiori ai 40-50 mm nel settore tirrenico della Provincia, localmente aree Stretto di Messina, mentre tra 20-30 mm nel settore ionico.

Il tutto però come detto, avverrebbe in lassi di tempo ristretti, anche una quantità di circa 40-50 mm, apparentemente esigua a volte può dare problemi se cade in breve tempo, riempiendo i corsi d’acqua, dunque prestare attenzione!