Correnti orientali apporteranno fasi instabili, con anche fase di maltempo?

BALCANICHEfinesett2017

 

Mentre alle alte latitudini europee, tra comparto scandinavo e russo aumenteranno i geopotenziali con il maestoso anticiclone che ne prenderà possesso in quelle terre, diversa sarà la questione per quel che concerne le zone più meridionali del Mediterraneo centro-orientale.

La ferita lasciata aperta con il calo dei geopotenziali, qui si farà sempre più palese e sarebbe causa di alcune fasi instabili soprattutto al Sud e versante del medio-basso adriatico nei giorni finale del mese.

MS_1737_ens

Ancora poco chiaro come questo potrebbe avvenire in termini di tempistiche e intensità, ma le proiezioni di alcuni modelli grazie soprattutto a una fonte di garanzia come il posizionamento dei massimi di alta pressione nell’area scandinava/russa, sarà da seguire attentamente.

Dalle mosse dell’intrusione di aria fresca balcanica, con un asse particolarmente favorevole, si deciderà il futuro di fine mese, dove si potrebbe passare da alcune fasi instabili addirittura anche a una fase di maltempo anche localmente intensa al Sud specie versanti orientali.

Ne sapremo di più nei prossimi giorni!

Da metà mese altra fase di maltempo e molto fresca!

dopometamesesett2017

L’ondata di maltempo autunnale che stiamo attraversando a suon di piogge e nubifragi e purtroppo anche con eventi alluvionali (vedi alluvione Livorno) e tragedie avvenute non è che l’inizio di un Autunno, il quale promette ancora grossi colpi di scena in questo Settembre.

La fase di tempo instabile/pertubata è agli sgoccioli, presto il tempo nel corso della giornata odierna migliorerà in modo più netto, ma la situazione dopo qualche giorno di pausa tenderà nuovamente ad incastrarsi a favore di una reiterata fase di tempo instabile.

Un miglioramento per qualche giorno, da metà mese e oltre si aprirà un’altra fase meteorologica impiantata all’instabilità e clima molto fresco per giorni, a causa dello sprofondamento di una saccatura artica, in possibile isolamento nell’Italia.

Ne riparleremo, ai prossimi aggiornamenti!