Le possibilità di piogge per l’azione fresca in quota proposta dal modello americano

Cattura%possibilità25ago2017
Possibilità di piogge maggiori di 5.0 mm in Italia centrata per giovedì 31 Agosto, carta che evidenzia qualche pioggia sui rilievi solo all’estremo Sud qualora la goccia fresca in quota ionica si portasse con moto retrogrado nelle zone indicate, tra comparto pugliese, calabro e siculo.

 

Da un lato l’alta pressione che almeno fino a fine mese potrà governare la presa con clima caldo e a tratti molto caldo soprattutto al Centro-Nord, zone interne e tirreniche, dall’altro l’azione di una massa d’aria fresca in quota nel settore ionico.

MS_1840_ens0625ago2017
media degli scenari ens basati sull’andamento termico alla quota di circa 1500 mt s.l.m. che vedono un certo calo per l’area centro-meridionale adriatica e settore ionico tra Sicilia e Calabria

Il modello americano GFS infatti insiste nel proporre da qualche run nelle sue corse, un’azione più fresca a partire dalla giornata del 30/31 Agosto al Sud lato adriatico e area ionica tra Sicilia e Calabria.

Viene infatti proposta un’azione parzialmente destabilizzante soprattutto relegata alle aree montuose, niente peggioramenti ne cambi di rotta importanti insomma, ma almeno qualche goccia di pioggia nelle ore diurne appare ricomparire nelle carte.

Certamente si tratta di un modello isolato, mentre tutti gli altri centri di calcolo non abbozzano ancora un bel nulla, se non la continuazione del clima estivo, anche se nel versante adriatico meridionale e al Meridione in genere non si avranno picchi di calore importanti.

Vedremo se smentire o confermare tale opportunità per alcune zone italiane.

Analisi modello GFS 18z: confermata la forte ondata di caldo

GFSOPEU18_189_2

 

Neanche il tempo di godere della rinfresca che da fine mese e chissà per quanti altri giorni dovremo pazientare, soffrendo ancora una volta l’afa alle stelle, con notti insonni (per chi non possiede condizionatori in casa).

GFSOPEU18_147_1

Le analisi dell’ultimo run del modello americano confermato la forte ondata di caldo che penalizzerà buona parte delle zone mediterranee, dalla Penisola Iberica, alla Francia, passando per l’Italia e finendo tra area balcanica e oltre fin sulla Russia europea.

Siamo sempre nel campo delle ipotesi, sia chiaro, la conferma di tutto ciò è da rimandare ai prossimi run modellistici, dove nei prossimi giorni ne capiremo gli importantissimi risvolti e aree che avranno i maggiori picchi di calore.

Infatti al momento è impossibile stabilirne intensità, durata e asse di questa bolla di caldo esagerato che potrebbe manifestarsi, dove ad ogni run che passa, ci avviciniamo inesorabilmente al suo approdo in area italiana.

Dunque aria caldissima confermata anche nell’ultimo aggiornamento 18z e adesso non ci resta da capire nei prossimi giorni i dettagli della quinta e più forte ondata di caldo stagionale, questa volta con molte probabilità anche e soprattutto al Centro e parte del Nord.

Temporali e netto calo termico in arrivo in molte zone d’Italia

2527luglio2017allertemporali

 

Le analisi del modello americano serale vedono una netta rinfrescata, che si spingerebbe fin verso le zone del basso Tirreno, accompagnata da temporali localmente intensi.

Il responso del modello GFS dal 25 Luglio vede a partire da Nord un calo pressorio e la formazione di una blanda depressione al suolo anche a partire dalla serata del giorno successivo.

spaghi27luglio2017

Essa traslerebbe verso le zone meridionali adriatiche, dispensando piogge e temporali e un netto calo delle temperature, ma al momento questo run appare molto isolato rispetto ad altri aggiornamenti dei centri di calcolo europei (vedi UKMO) e quello canadese GEM.

Vedremo nei prossimi giorni se il calo termico sarà anche accompagnato da una passata temporalesca violenta fin verso le zone del basso Tirreno, fino a coinvolgere localmente le zone sicule e calabre come lo vede il modello americano GFS.